Evitare il furto del segnale WiFI limitando la copertura del router

Se per avere la connettività Internet nella tua attrezzatura informatica utilizzi solitamente la porta Ethernet del router o il luogo in cui vivi ha dimensioni che facilitano la ricezione di un buon segnale in tutti i suoi angoli, varrebbe la pena limitare la copertura del segnale Wi-Fi per impedire ai vicini di rubarlo.

In effetti, i segnali wireless emessi da un router attraversano i confini di una casa di dimensioni regolari consentendo a persone con conoscenze di rete di tentare di intromettersi nella rete domestica dai loro computer o telefoni cellulari.

Limita la copertura della rete Wi-Fi disabilitando la banda 2,4 GHZ

Fortunatamente, la maggior parte dei router venduti oggi ha due bande di frequenza che funzionano contemporaneamente: 2,4 GHZ e 5 GHZ.

La prima banda è caratterizzata dall’avere una portata maggiore ma una velocità di trasmissione dati inferiore a causa dell’interferenza prodotta da altre apparecchiature con connettività wireless.

La banda 5 GHZ, invece, essendo l’implementazione più recente, non soffre di così tante interferenze, quindi offre una velocità di trasmissione dati maggiore, tuttavia la sua portata è molto inferiore.

Pertanto, la prima azione per limitare la copertura della rete Wi-Fi del proprio router è spegnere il segnale a 2,4 Ghz e lasciare in funzione solo quello a 5 Ghz. Per questo, devi solo entrare nella configurazione del router e apportare le modifiche necessarie.

Rimuovere una delle antenne dal router

I router sono progettati con antenne interne o esterne. Nel primo caso non è possibile rimuoverle senza causare danni al dispositivo, tuttavia, nel caso di router che dispongono di antenne esterne, la rimozione di una o più delle loro antenne è molto semplice, il che implica ridurre la loro copertura di scopo.

Basta svitare i connettori dell’antenna situati sul retro del dispositivo e conservarli in un luogo sicuro.

Immagine di Cesare da Pixabay

Condividi questo post sui tuoi social network

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su